resistenza arti marziali

Come migliorare la resistenza nelle arti marziali [parte 2]

Nell’ultimo articolo abbiamo visto perché la resistenza è così importante per chi pratica arti marziali e sport da combattimento, quali sono gli errori che bisogna evitare di commettere quando si allena questa capacità motoria e come dovrebbe cambiare l’allenamento nel corso dell’anno per migliorare al massimo. L’articolo di oggi è più pratico: vedremo infatti quali sono gli esercizi che bisognerebbe praticare in ciascuna fase di allenamento e concluderemo con un esempio di programma di allenamento per le arti marziali.

colpi al sacco

Come migliorare la resistenza nelle arti marziali [parte 1]

La resistenza è una delle doti più importanti che un combattente dovrebbe possedere. Essa non solo serve per mantenere la capacità di combattere con buone performance, ma anche per sostenere gli altri allenamenti. Un marzialista che ha fiato, infatti, può permettersi di allenarsi più a lungo, migliorando quindi di più. Leggi l’articolo e scopri quali sono gli errori più comuni che si commettono nell’allenare la resistenza per le arti marziali, come correggerli e quali sono le 2 fasi (più una) che dovrebbero susseguirsi nell’anno di allenamento per poter migliorare al massimo la propria resistenza.

aumentare la velocità nelle arti marziali

Come aumentare la velocità nelle arti marziali. Un modo per farlo che non ti aspettavi…

Migliorare la velocità è o dovrebbe essere il chiodo fisso di tutti i praticanti di arti marziali navigati (che quindi sappiano eseguire le tecniche con disinvoltura). Per farlo bisogna lavorare sulla coordinazione muscolare, sulla capacità delle fibre muscolare di attivarsi rapidamente (rapidità pura) e sulla forza, che serve a produrre accelerazione. Ma c’è un fattore sconosciuto ai più, per lo meno in teoria, che può influire non poco sulla velocità finale di tutte le tecniche di combattimento. Leggi l’articolo e scopri di più…

Allenamento di addominali per le arti marziali

Addominali per le arti marziali: scopri subito la top 10 degli esercizi [Parte 2]

Sei sicuro che il tempo che trascorri a “pompare gli addominali” all’inizio o alla fine dei tuoi allenamenti di arti marziali non siano uno spreco di tempo? In effetti potrebbero esserlo perché affinché gli esercizi abbiano un transfert con il combattimento (ovvero abbiano delle ripercussioni positive sul tuo modo di combattere) essi devono rispondere a delle caratteristiche in particolare. Tali caratteristiche si riassumono nei due requisiti di funzionalità e di sollecitazione dei meccanismi biologici per la produzione di forza. Con funzionalità intendo che gli esercizi devono essere tali da insegnare al tuo corpo a trasferire la forza dalla parte inferiore del corpo a quella superiore e devono essere capaci di stabilizzare il tronco quando pratichi le tecniche di combattimento o subisci un impatto con l’avversario. Leggi l’articolo e scopri i 5 migliori esercizi addominali per le arti marziali e gli sport da combattimento.

Sylvester Stallone fa Dragon Flag

Addominali per le arti marziali: scopri subito la top 10 degli esercizi [Parte 1]

Se fai una qualche arte marziale o sport da combattimento quasi certamente ti sarà capitato di ritrovarti a fare qualche esercizio per gli addominali. Il problema è che il più delle volte gli esercizi che vengono proposti nelle palestre di arti marziali sono presi dal bodybuilding e questo potrebbe significare che praticarli significa solo “pompare un po’” i muscoli prima o dopo l’allenamento di arti marziali vero e proprio, ma avranno un’influenza minima sulle prestazioni di combattimento. Leggi l’articolo e scopri ora la top 10 dei migliori esercizi per gli addominali esistenti al mondo per chi pratica arti marziali o sport da combattimento.

Michael J. white fa una posa per bodybuilding e arti marziali

Scopri la vera ragione per cui bodybuilding e arti marziali sono incompatibili

Molti praticanti di arti marziali decidono di abbinare agli allenamenti specifici della loro disciplina un programma di sollevamento pesi. E dal momento che il paradigma imperante dell'allenamento con i pesi è quello del bodybuilding, ovvero “più sei muscoloso, tanto meglio è per te”, quasi tutti decidono di rivolgersi a degli istruttori di questa disciplina nella speranza di migliorare forza, velocità  e potenza. Così ha inizio la catastrofe: lunghe lente ore in una palestra commerciale ad ammazzarsi di curl di concentrazione e di serie alla pectoral machine che nel migliore dei casi non porteranno proprio a niente e che nel peggiore possono rovinare la prestazione di combattimento. In realtà  per quanto l'allenamento con i pesi possa giovare enormemente il praticante di arti marziali, il bodybuilding, che non è l'unica forma di allenamento con i pesi, quasi sempre la rovina. Leggi l'articolo e scopri perché dovresti stare alla larga dalle palestre di bodybuilding…

addominali

4 modi di allenare gli addominali per chi fa arti marziali

I muscoli addominali rivestono un'indubbia importanza nella pratica delle arti marziali e degli sport da combattimento. E' questa una delle poche cose su cui (quasi) tutti i maestri sono d'accordo. Spessissimo si vedono marzialisti che, nelle loro uniformi, si cimentano nei soliti vecchi esercizi di alzata gambe, sit up e quant'altro. Nulla da eccepire! Questi esercizi sono di grande efficacia. D'altronde è anche vero che la cura che normalmente si dedica all'allenamento per gli addominali è di gran lunga minore di quella che richiedono le necessità  di un combattente. L'allenamento per gli addominali è spesso malato di approssimazione e le ripercussioni negative sulle prestazioni di combattimento sono ben maggiori di quanto i più non immaginano. Se non vuoi essere tra questi, leggi l'articolo e scopri come migliorare la qualità  dell'allenamento per gli addominali ottimizzando tutte le tue abilità  marziali.

squat

Scopri i segreti dello squat, il re degli esercizi. Se fai arti marziali non puoi non conoscerlo

La pratica delle arti marziali e degli sport da combattimento implica diversi esercizi. Alcuni per migliorare le qualità  tecniche, altri per la forza e la potenza, altri per la velocità , altri ancora per la resistenza o per la flessibilità , ecc. C'è un esercizio, però, che da solo potrà  giovare tutte queste capacità  motorie e apportare un grande beneficio alla tua prestazione. Sto parlando dello squat. Esso è un esercizio apparentemente banale, ma al giorno d'oggi sono ben pochi quelli che riescono ad eseguirlo in modo perfetto. Leggi l'articolo e scopri come praticare in modo efficace e sicuro questo esercizio.

pliometria

3 esercizi a corpo libero per migliorare l’esplosività  dei movimenti: scopri la pliometria

Quali sono, secondo te, le qualità  migliori che un combattente dovrebbe possedere affinché i suoi movimenti siano realmente efficaci? La tecnica? La forza? La resistenza? Indubbiamente queste sono tutte doti importanti, ma quella che realmente fa la differenza è l'esplosività . Tutti gli allenamenti, eccezion fatta per tutto ciò che ha a che vedere con sottigliezze strategiche e tattiche, devono essere funzionali a questo: una buona tecnica dovrebbe servire a usare i propri muscoli in modo quanto più funzionale possibile alla produzione di esplosività ; allo stesso modo la forza dovrebbe servire a produrre potenza e velocità  (quindi esplosività ); la resistenza ha lo scopo di conservare la propria esplosività  (quindi tutto ciò su cui si regge) nel tempo. Ma esistono degli allenamenti specifici per l'esplosività  senza i quali non potrai mai e poi mai raggiungere il tuo massimo potenziale. Leggi l'articolo e scopri di più.